Articoli

Sergio Nicolò de Bellis

Sergio Nicolò de Bellis

(Castellana-Grotte, 8 marzo 1898 – Milano, 21 dicembre 1946)

Sergio Nicolò De Bellis Catalogo della mostra 2006Si forma a Milano, alla civica scuola d'arte del Castello Sforzesco, intorno agli anni 1918-23. Nel capoluogo lombardo soggiornerà quasi tutto il resto della sua vita, pur tornando con regolarità nella natia Castellana almeno una volta l’anno nella stagione estiva. La sua produzione giovanile, che abbraccia gli anni tra 1923 e 1930, può definirsi novecentista.

Nel novero di questi dipinti sono affrontati tutti i principali generi, dai paesaggi alle nature morte, dai ritratti alle composizioni miste alla ricerca del proprio linguaggio espressivo, ogni genere con caratteri ed accenti specifici. Dei paesaggi, si individuano due filoni prevalenti, il lombardo e il pugliese. Riguardo al primo prevalgono le vedute urbane, soprattutto di Milano: soggetti frequentissimi nel periodo 1924-35, come si evince dagli elenchi delle opere esposte nelle prime sue mostre, collettive e personali.

Dalle poche immagini che ci restano di quel periodo, si ricavano prospettive di piazze e strade della città, solidi edifici, manifesto di una fiducia nell’opera umana e per esteso fiducia e speranza nelle possibilità di crescere artisticamente nel contesto metropolitano; si dedica inoltre alla pittura del paesaggio pugliese, nel territorio compreso tra Castellana, Conversano, la Selva di Fasano e la fascia costiera.

Nel corso dei primi anni trenta si registra una svolta nello stile, un lento progredire verso tonalità più chiare, nel contempo un graduale allentamento delle priorità plastiche e compositive, e una più coraggiosa attitudine alla sperimentazione, anche se talvolta timida e talvolta più convinta: una fase che si arresta intorno al 1935, o giù di lì, quando nuove idee e più convinte soluzioni creative irrompono nella sua produzione. È il tempo delle suggestioni metafisiche e oniriche, il momento di maggiori prestiti dagli eletti maestri, Carrà, De Chirico, De Pisis. Una produzione alterna, dalle enigmatiche composizioni a sfondo classicheggiante, alla magica seduzione della forza dei cavalli sfrenati nella prateria, fino ad inaspettati studi di nudo, tanto rari quanto pregni di fascino.

Sergio Nicolò De Bellis, Pompa di benzina, 1943Dopo la lenta transizione degli anni 1930-34, che possiamo isolare e definire “secondo periodo” o “periodo della sperimentazione”, dal 1935 si apre una nuova e più lunga stagione, un “terzo periodo” racchiudibile entro la primavera del 1943, allorquando, nel quadro critico generale della guerra in corso, De Bellis lascerà Milano per Castellana.

Gli anni 1935-43 furono senz’altro i più felici, e dal punto di vista artistico e professionale: gli acquisti della Galleria d’arte moderna e del Gabinetto dei disegni di Milano, due Biennali di Venezia (1936, 1940), due premi Bergamo (1939, 1941), due premi Puglia (1939, 1940), due importanti personali milanesi (1938, 1941).

Tornato a Milano, nel dicembre del 1945 il pittore riprende la partecipazione ai concorsi e alle collettive, cercando di riallacciare i legami interrotti durante la guerra.

Il clima fervido e ottimistico si riflette di conseguenza sulla sua ultima produzione, più che altro fatta di paesaggi e nature morte.

La Trita del grano (Castellana Grotte, Quadreria Comunale) è l’esempio emblematico del fervore di colui che assurge all’arte attraverso un procedimento d’intensa, intima sublimazione dei sensi e della conoscenza della natura.

Il dipinto fu esposto alla "Mostra del lavoro e del sacrificio”, allestita nelle sale del Castello Sforzesco nel febbraio 1946, e insignito del “Premio Galleria Italiana d’arte" per il tema del lavoro: ultimo riconoscimento della sua carriera, prima della precoce scomparsa, nel dicembre dello stesso anno.

Nel 1956 il Comune di Castellana acquistò dagli eredi l’insieme delle opere di De Bellis ancora in loro possesso, costituito da 55 dipinti a olio e 21 acquerelli. Dal 2005 l’intera collezione è visitabile nelle sale della Quadreria del palazzo comunale. Altre opere dell’artista presenti in collezioni pubbliche sono a Milano, nelle Civiche Raccolte d’Arte e Gabinetto dei Disegni, presso il Museo della Permanente, e a Bari, presso la Pinacoteca Provinciale.

Bibliografia

Morro C., Les artistes aux recent expositions, in "Revue moderne", 15 febbraio 1929.

Maselli D., Il grande successo della mostra del pittore De Bellis, in "La Gazzetta del Mezzogiorno", 13 ottobre 1929.

Russo L., Un pittore novecentista, in "La Gazzetta del Lunedì", p. 3, 16 novembre 1929.

Savelli G., Sergio Nicolò De Bellis, in "Puglia letteraria", a. II, n. 6, p. 3, 30 giugno 1932.

Bonardi D., Sergio De Bellis, in "La Sera", p. 3, 16 febbraio 1938.

Carrà C., Cronaca delle mostre: Sergio De Bellis, in "L'Ambrosiano", p. 8, 2 marzo 1938.

Accetti C. E. (a cura di), Nove artisti alla "Nova", Catalogo della mostra, Milano, 1940.

Bonardi D., Mostre d'arte: Sergio De Bellis, in "La Sera", 28 febbraio 1941.

Russo L., Ricordando Nicola De Bellis, in "La Voce - quotidiano del Mezzogiorno d'Italia", a. IV, n. 22, p. 3, 26 gennaio 1947.

Cerrina G., Mostra postuma del Pittore Sergio De Bellis, Galleria Gussoni, Milano, 2 maggio 1947.

Cerrina G., De Bellis postumo, in "Corriere lombardo", 14-15 maggio 1947.

Borgese L., Mostre d'arte: De Bellis, in "Il nuovo Corriere della sera", p. 3, 11 maggio 1947.

D'Acquati F., In giro per mostre: Sergio De Bellis, in "Corriere degli artisti", a. II, n. 8, 20 maggio 1947, p. 3; Bari 1955, Maggio di Bari. V mostra nazionale di pittura contemporanea / 29 maggio - 29 giugno 1955, Catalogo della mostra, Bari, 1955.

Marzano E. – Russo L., Retrospettiva su Sergio Nicolò De Bellis, in "Maggio di Bari. V mostra nazionale di pittura contemporanea / 29 maggio - 29 giugno 1955", Catalogo della mostra, Bari, pp. 71-83, 1955.

Russo L. (a cura di), Mostra retrospettiva del pittore Sergio Nicolò De Bellis - Castellana Grotte, Salone delle Grotte, ottobre 1955, Catalogo della mostra, Bari, 1955.

Comanducci A.M., De Bellis, Sergio in "Dizionario illustrato dei pittori, disegnatori e incisori italiani moderni e contemporanei", vol. II, Milano, p. 940, 1971.

Pastore L. R., Sergio Nicolò De Bellis: scheda n. 462, in La Pinacoteca Provinciale di Bari. II. Opere dell'Ottocento e della prima metà del Novecento, coordinamento tecnico scientifico di C. Farese Sperken, Roma, pp. 424-425, 2005.

Lanzilotta G., Sergio Nicolò De Bellis, Castellana-Grotte 2006.

(Testo tratto da http://it.wikipedia.org)

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, il sito ViviCastellanaGrotte contiene cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla cookie policy di ViviCastellanaGrotte.it