Agriculture - Gli eventi per la settimana ''Seed Freedom''

DAl 15 al 22 ottobre, nuovo ciclo di incontri della Fondazione Agriculture per la settimana "Seed Freedom".

agriculturePresso la sede di via Giotto nn. 24-26 a Castellana-Grotte, infatti, in occasione della concomitante manifestazione internazionale "Seed Freedom", avrà luogo la seconda edizione della rassegna di film sui temi della libertà dei semi, della difesa del lavoro contadino e della biodiversità, della battaglia contro i pesticidi e gli organismi geneticamente modificati.
Primo appuntamento, domenica 15 ottobre alle ore 19:45 con l'inaugurazione della sede della Fondazione e la proiezione del film “Seed – una storia mai raccontata”.

Da lunedì 16 ottobre, poi, sette documentari con inizio alle ore 20:30. Dopo la visione del film, spazio alle riflessioni e ai progetti.

 

Ecco il programma completo della settimana "Seed Freedom" castellanese.


15 ottobre 2017

Seed – The Untold Story (I Semi – Una Storia mai raccontata)

Regia: Taggart Siegel

USA 2016 (sottotitolato in italiano)

Nell'ultimo secolo il 94% delle varietà di semi è sparita, conseguenza del dominio delle multinazionali nel campo della biotecnologia chimica, con un controllo assoluto della filiera: non soltanto i semi, ma anche gli agricoltori, gli scienziati, gli avvocati. Di conseguenza chi oggi protegge i semi indigeni è protagonista di una battaglia, simile a quella di Davide contro Golia, per difendere il futuro del nostro cibo. La storia di questi instancabili eroi ci rimette in contatto con una delle nostre risorse fondamentali: la cultura dei semi.

Un film che ci fa sentire il pericolo per noi e per il pianeta e che, contemporaneamente, ci rende protagonisti di una nuova cultura: terminare la guerra contro la natura perché è la guerra contro noi stessi. Dare inizio ad una nuova era di una più profonda comprensione dell'abbondanza e della gratitudine.

Fotografato splendidamente, con immagini che rimarranno nella vostra memoria. Vincitore di innumerevoli premi.

16 ottobre 2017

The Last Farmer (L'ultimo contadino)

Regia di Giuliano Girelli.

Italia (2011) (audio in lingua italiana)

Le colture contadine sfamano il 70% della popolazione mondiale, contro il 30% dell'agricoltura industriale, eppure milioni di contadini o ex-contadini vivono con meno di due dollari al giorno.

Un documentario per il progetto finanziato dall'Unione europea "Creating coherence on trade and development", che si occupa dello stato dell'agricoltura contadina nello scenario del neoliberismo globalizzato, raccogliendo tre storie in Indonesia, Guatemala e Burkina Faso.

"Neoliberismo, globalizzazione e agricoltura contadina" è il sottotitolo che accompagna il documentario. Il contadino indonesiano, del Burkhina Faso, del Guatemala, così come il piccolo produttore agricolo del ricco occidente, sono accomunati dalla stessa politica economica globale che ha lentamente espulso questa figura dal panorama produttivo internazionale, e con lei interi ecosistemi fondati sulla biodiversità delle specie e sulla sostenibilità delle micro-società locali. Le condizioni di fatica ed emarginazione dei contadini poveri sono simili in tutto il Pianeta.

17 ottobre 2017

Il veleno è in tavola (O veneno està na mesa)

Regia di Silvio Tendler

Brasile 2011 (sottotitolato in italiano)

Dal 2008 il Brasile è il maggior consumatore di agro-tossici nel mondo: ogni brasiliano consuma in media 5,2 litri di agro-tossici all'anno. La salute dei lavoratori brasiliani costa 50,8 miliardi alle casse pubbliche, le imprese cerealicole e sementiere transgeniche riscuotono diritti sui brevetti (royalities) dai contadini, che hanno l'obbligo di utilizzarli, e poter così usufruire di incentivi fiscali da parte dello Stato per lo sviluppo della loro azienda.

In Brasile l'introito economico delle lobby degli agro-tossici supera i 7 miliardi di dollari. La promessa del "più cibo per tutti" della Rivoluzione Verde ha sradicato l'agricoltura familiare e la sua eredità per dare spazio a monocolture, ad una agricoltura intensiva che dagli anni '60 ha implicato un inarrestabile crescendo (e circolo vizioso) nell'uso di pesticidi e nell'uso dei semi transgenici. Il risultato: la perdita progressiva della fertilità dei suoli, della varietà colturale e della libertà di coltivazione, tutto questo dietro il pretesto di una maggiore e migliore produttività. E per l'uomo, sorvolando sugli aspetti sociali, il malessere, la malattia, la morte.

Contro il modello agricolo imposto dall'agro-chimica si battono tanti piccoli produttori brasiliani consapevoli, che danno esempi virtuosi di produzione biologica, con il recupero di sementi creoli, nonostante la mancanza di quegli incentivi statali che vanno invece alle imprese agricole utilizzatrici di pesticidi e transgenici.

18 ottobre 2017

Lo zucchero uccide (Sugar Coated)

Regia di Michèle Hozer

Canada 2015 (con audio in italiano)

Nel corso degli ultimi trent'anni, la maggior parte dei nutrizionisti ha condotto una campagna per cambiare le vecchie abitudini alimentari. Il nemico numero uno della salute erano i grassi che andavano eliminati per quanto possibile, privilegiando una dieta a base di carboidrati.

Nessuno però, fino a poco tempo fa, si è posto questa domanda: e se il vero nemico fosse un altro? Un assassino dolce, insospettabile: lo zucchero.

Ricerche recenti stanno confermando questa ipotesi che per molti medici è una realtà inconfutabile. Una realtà che però l'industria alimentare ha tentato e tenta di nascondere, come di fatto ha celato - per decenni - la presenza di dolcificanti negli alimenti preconfezionati.

Obesità, diabete, malattie cardiovascolari sono in continuo aumento e non toccano solo i paesi industrializzati. Secondo alcuni esperti, non a caso attaccati con durezza dalle grandi multinazionali dell'alimentazione, siamo di fronte a una "bomba dietetica" che se non verrà disinnescata avrà conseguenze catastrofiche sulla salute di tutta l'umanità.

Il documentario getta uno sguardo critico sul nostro rapporto con lo zucchero, considerato ormai un assassino silenzioso.

19 ottobre 2017

Amore, Cucina e.... Curry

Regia di Lasse Hallstrôm, prodotto da Steven Spielberg

India, Emirati Arabi Uniti, USA (2014) (in lingua italiana)

In "Amore, cucina e... curry", Hassan Kadam (Manish Dayal) interpreta un genio della gastronomia, che non sbaglia mai un colpo. La famiglia Kadim, emigrata dall'India e guidata dal capofamiglia, Papa (Om Puri), si stabilisce nel caratteristico villaggio di Saint Antonin Noble Val, nel sud della Francia. Un posto incantevole e raffinato, il luogo ideale dove aprire Maison Mumbai, un ristorante indiano a conduzione familiare. Ma le cose cambiano nel momento in cui Madame Mallory (Helen Mirren), l'algida titolare e cuoca del rinomato ristorante francese Saule Pleureur, non si intromette. Le sue implacabili proteste contro il nuovo ristorante indiano che dista solo 30 metri dal suo, danno luogo ad un'accesa battaglia fra i due locali, fino a quando la passione di Hassan per l'alta cucina francese e per Marguerite (Charlotte Le Bon), la deliziosa "sous chef" di Madame Mallory, non riuscirà ad amalgamare magicamente le due culture, regalando a Saint- Antonin nuovi sapori di cucina e di vita che neanche Madame Mallory potrà ignorare. La donna, infatti, sarà disposta a riconoscere il talento culinario del suo rivale e a prenderlo sotto la sua ala protettiva. "Amore, cucina e... curry" abbonda di sapori tangibili e inebrianti. Il film racconta il trionfo della tradizione del cibo familiare nonostante l'"esilio", e ritrae due mondi in conflitto fra loro, con un giovane deciso a tutti i costi a ricreare il conforto della propria casa attraverso la sua tradizione culinaria.

Per tutte/i coloro che hanno amato "Chocolat".

20 ottobre 2017

La verità del glifosato – Le Iene

Regia di Gaetano Pecoraro

Italia 2016 (in lingua italiana)

Nel nuovo appuntamento de "Le Iene Show", si parla del glifosato, un diserbante classificato dall'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) come "probabilmente cancerogeno per l'essere umano". L'inchiesta è stata condotta da Gaetano Pecoraro, che si è recato in Argentina, la nazione che utilizza maggiormente questo diserbante non selettivo utilizzato in agricoltura per le coltivazioni geneticamente modificate. Un terzo della popolazione argentina entra in contatto diretto o indiretto con il glifosato, il cui utilizzo in agricoltura ha però provocato cambiamenti sanitari preoccupanti. Alcuni famigliari delle vittime racconteranno come si vive quotidianamente a contatto con queste sostanze agrochimiche. Il problema, però, non è circoscrivibile alle persone che vivono in Argentina: nelle distese di campi di questa nazione vengono, infatti, prodotti alimenti che poi sono esportati nel resto del mondo.

In Italia, dal 22 agosto 2016 è ormai vietato usare glifosato in luoghi pubblici come "parchi, giardini, campi sportivi e zone ricreative, aree gioco per bambini, cortili ed aree verdi interne a complessi scolastici e strutture sanitarie". È vietato anche impiegarlo in agricoltura nel periodo che precede il raccolto e la trebbiatura (cioè quando finisce per restare quasi tutto su ciò che mangeremo). Ma quanti lo stanno ancora utilizzando?


21 ottobre 2017

Food RelOVution – tutto ciò che mangi ha una conseguenza

Regia di Thomas Torelli

Italia (2017) (in lingua italiana)

Con Franco Berrini, T. Colin Campbell, Carlo Petrini, Vandana Shiva, Peter Singer e.d.al.

"Food ReLOVution: tutto ciò che mangi ha una conseguenza" è un coinvolgente e rivelatore documentario che esamina le conseguenze della cultura della carne in vista della crescente preoccupazione per gli impatti sulla salute, sulla fame nel mondo, sul benessere degli animali e sull'ambiente. L'obiettivo è mostrare come questi problemi globali riguardino tutti e siano correlati tra loro. Oggi anche solo fare la spesa in maniera consapevole, sapere cosa si compra e cosa si mangia, è il primo importantissimo passo verso un mondo migliore. Il film vuole essere uno strumento stimolante di comprensione e di informazione, che ci ricorda che abbiamo il potere di cambiare le cose se vogliamo davvero, a cominciare da noi stessi. Tutto ciò che mangiamo ha una conseguenza. Essere consapevoli di questo, ci aiuta a capire qual è, a capire l'importanza delle nostre scelte quotidiane. A spronarci a compiere azioni basate sulla coerenza, la consapevolezza e l'amore che nasce dal rispetto per la Vita. Il cambiamento che stavamo aspettando inizia con noi stessi. La scelta è la nostra arma più potente, impariamo ad usarla. Solo allora potremo dare un contributo a cambiare il mondo.

Non bisogna affidarsi solo ai dogmi alimentari imposti dalla società ma conoscere ciò che si mangia, l'unico modo per dare inizio alla rivoluzione. Fatta con amore. Scegliere ciò che mangiamo con consapevolezza è un atto rivoluzionario che può cambiare il mondo.

22 ottobre 2017

Consumed

Regia: Daryl Wein

USA (2015) (sottotitolato in italiano)

Basato su fatti realmente accaduti, primo film fiction sull'OGM (Organismi Geneticamente Modificati) e acclamato da organizzazioni sulla nutrizione, scienziati ed attivisti, CONSUMED è un titolo altamente educativo sulla biogenetica che vi terrà in sospeso fino alla fine. Daryl Wein ci accompagna dentro la vicenda di Sophie Kessler, una mamma che dopo strane allergie recidive sul figlio di 7 anni, Garret, decide di andare a fondo su uno scandalo del mondo OGM, che ancora oggi ci fa riflettere e ci rende sospettosi di tutto quello che ogni giorno portiamo sulla nostra tavola.

Fino ad oggi, negli Stati Uniti non è possibile per il consumatore capire dall'etichettatura se un alimento contiene prodotti di origine OGM o no.

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, il sito ViviCastellanaGrotte contiene cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla cookie policy di ViviCastellanaGrotte.it