Fanove 2018 - La poesia in vernacolo di Francesco Cisternino ''I Fanòve''

Il nostro concittadino Francesco Cisternino ci ha inviato una sua lirica in dialetto dedicata alle Fanove, la splendente manifestazione di riconoscenza del popolo castellanese nei confronti della Patrona.

fanovecisternino

I Fanòve

Se dèisce Pàsque Bbefanèije,
tùtt-i fìjeste pìgghjene a vèije.
A Casteddône jé devèrse,
contìnue a fèste.
U jùnece stóne i fanòve,
dèije chjèine de devozzióne.
Pe recurdô a lebberazzióne da pèste,
pe ‘ndercessióne da Màmme Celèste.

Sapèite a fanòve ci jjé?
Contìnue a lésce ca la scuprèije cu mmàije!
Jé na catàste de lègne de tùtt-i fôrme,
pot’èsse peccjônne o enòrme.

De sta dèije i pròtagoniste
sònd i fanòviste.
Lóre mandénene a tradezzióne
purcjàije sté a devozzióne.

Aggèirene pi vèije de fóre,
i, acquànne acchjene qualchijùne, addemannene ‘n córe:
U Mèste, na cjuppenôre
pa fèste du jùnece scennôre?

‘Nzeppô na fanòve jé n’àrte,
da nu cìrchje de trônghere i cjuppenôre se pàrte.
Dôppe a salèije chjône chjône,
fin-acquànne a lla pônte arrevôme.

A sàire, ‘nnànde a lla fanòve appeccjôte
u tìjembe pàsse tra nu becchìjere de mìjere i na resôte.
I acquànne jè strùtte a fanòve,
i fanòviste ringrazzjene a Madônne ca nànza puôste a chjôve!

Le Fanove

Si dice Epifania,
tutte le feste porta via.
A Castellana è diverso,
continua la festa.

L’11 ci sono le Fanove,
giorno pieno di devozione.
Per ricordare la liberazione dalla peste
grazie all’intercessione della Madre Celeste.

Sapete la fanova cosa è?
Continua a leggere e lo scoprirai con me.
E’ una catasta di legna di tutte le forme,
può essere piccola o enorme.

Di questo giorno, i protagonisti
sono i fanovisti.
Loro mantengono la tradizione
perché c’è la devozione.

Girano per le vie di campagna,
e, quando trovano qualcuno, gli domandano in coro:
Maestro, un ceppo
per la festa dell’11 gennaio?

Innalzare una fanova è un’arte,
da un cerchio di tronchi e ceppi si parte.
Dopo devi salire piano piano,
finchè alla punta arriviamo.

La sera, davanti alla fanova accesa,
il tempo passa tra una bicchiere di vino ed una risata.
E quando è consumata la fanova,
i fanovisti ringraziano la Madonna che non si è messo a piovere!

 

 

 

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, il sito ViviCastellanaGrotte contiene cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla cookie policy di ViviCastellanaGrotte.it