AdSense sopra

Don Pietro Giannuzzi

Il 19 luglio del 1915, cadde in guerra don Pietro Giannuzzi, castellanese. A cento anni dalla morte, ricordiamo questo grande concittadino con le parole di Michele Micca Longo.

Ordinato sacerdote nel 1913, partì per il fronte come cappellano militare dopo il 24 maggio del 1915, giorno dell'effettiva entrata in guerra dell'Italia. Nei pressi di Sagrado,  vicino Trieste, fu colpito a morte dai soldati austriaci, proprio mentre portava soccorso agli stessi feriti e moribondi. Fu il primo religioso italiano a morire nel corso del I conflitto mondiale.
Questo episodio colpì tanto l'opinione pubblica italiana, che il settimanale La Domenica del Corriere gli dedicò la copertina del n. 30 del 25 luglio 1915. A quei tempi le copertine erano illustrate da disegni fatti a mano, non esistevano foto giornalistiche, quindi l'esecuzione della scena riportata in copertina fu affidata alla fantasia del famoso disegnatore Beltrami.

Don Pietro Giannuzzi fu musicista di pregio, allievo del compositore di musica sacra don Lorenzo Perosi, il quale nel 1898 fu nominato dal Papa, Leone XIII, direttore perpetuo della Cappella Sistina. Nel 1910 fondò a Castellana la prima scuola di canto, dedicata appunto a don Lorenzo Perosi ma, con la sua morte, la schola cantorum si sciolse, nel luglio del 1915. Nel 1957 don Vincenzo Vitti e Paolo Matarrese la rifondarono, chiamandola Schola Cantorum Don Pietro Giannuzzi. Si tratta dell'antesignana dell'attuale corale "Don Vincenzo Vitti".

 

donpietro2

 

donpietro

donpietro3

Cerca

Ultimissime

08 Aprile 2021